top of page
Cerca

I 15 migliori posti da visitare nell'Islanda orientale

L'Islanda orientale non è una parte densamente popolata dell'Islanda. Ma non lasciarti ingannare dai numeri della popolazione. In effetti, questa parte per lo più incontaminata dell'isola racchiude molte magnifiche meraviglie naturali. I visitatori hanno moltissime cose da fare nell'Islanda orientale.


La regione è ricca di storia e cultura e offre scenari spettacolari che faranno vergognare la tua migliore telenovela. In questo articolo approfondiamo le specificità della regione e tutto quello che c'è da fare e da vedere.


Islanda orientale

Islanda orientale


L'Islanda orientale costituisce circa 22.721 chilometri quadrati dell'Islanda. È caratterizzata dalla sua costa frastagliata di fiordi, chiamati senza alcuna fantasia Fiordi Orientali. Si estende da Bakkafjördur a nord fino ad Alftafjördur a sud.


La regione orientale dell'Islanda non è molto densamente popolata, con l'intera parte orientale dell'Islanda che conta poco più di 13.000 abitanti. Per metterlo ancora più in prospettiva, Egilsstadir è la città più grande nell'est dell'Islanda, ma ha solo una popolazione di poco più di 2000 abitanti!


Ma laddove l’intervento umano è stato tenuto a bada, la natura regna sovrana. Ciò è evidente nei maestosi scenari e nelle attrazioni naturali che si possono trovare nell'Islanda orientale. Ci sono così tante cose interessanti da fare in Islanda, e l'Islanda orientale non è diversa dal resto del paese. Quindi, ecco un elenco dei migliori luoghi e attività da includere nel tuo itinerario nell'Islanda orientale:


1. Diventa un'opera d'arte


Lungo il famoso percorso della Ring Road tra Hofn ed Egilsstadir, troverai una misteriosa sedia rossa seduta in mezzo al nulla. Non puoi perderlo per il contrasto del suo colore brillante con il resto del paesaggio. Ma questa è in realtà un'installazione artistica che ti invita a diventarne parte. 


La sedia rossa è fissata alla roccia e invita a sedersi. Non solo la sosta alla Red Chair è una gradita pausa lungo il percorso, ma consente di scattare fotografie incredibili.


un'opera d'arte


2. Visita la cascata Hengifoss


Di tutte le 10.000 cascate che si trovano sull'isola, la cascata Hengifoss è una delle più alte. Infatti, conquista il terzo posto nella categoria, con un'incredibile altezza di 128 metri! Fatta eccezione per il bellissimo sfondo di roccia basaltica, ciò che colpisce ancora di più sono gli anelli rossi che sembrano avvolgersi attorno alle cascate. Sono incastonati nel basalto a intervalli. Questi anelli rossi sono in realtà argilla che si è formata tra gli strati basaltici.


Per arrivare a Hengifoss sarà necessaria una breve escursione di 2,5 chilometri, ma non preoccuparti, il percorso non è impegnativo. È adatto sia a grandi che a giovani e richiederà al massimo un'ora. Durante la passeggiata potrete affascinare i bambini con il folclore locale. Sapevi che un tempo gli elfi abitavano la gola intorno alla cascata Hengifoss ? 


Infatti, il giorno di Capodanno, molti, molti anni fa, due uomini camminavano pacificamente attraverso la gola. All'improvviso sentirono l'inno islandese “Heidur se Gudi Himnum a” alias “Onore a Dio in cielo”. Ma invece di sembrare come se la cantasse qualcuno che stava viaggiando anche lui nella gola, sembrava che provenisse dalle rocce stesse!


Una volta terminata la canzone, suonò una misteriosa campana. Rendendosi conto che doveva trattarsi del leggendario Popolo Nascosto dell'Islanda, si avviarono rapidamente, sperando di non averli disturbati. Gli elfi islandesi non accettano molto volentieri di essere presi in giro.


cascata Hengifoss

3. Individua una pulcinella di mare a Borgarfjörður Eystri


Ok, anche se il posto sarà lì tutto l'anno, l'attività è stagionale. Ogni anno, tra maggio e agosto, le pulcinelle di mare fanno dell'Islanda il loro luogo di riproduzione. Questi uccelli simili a pinguini con i loro becchi colorati sono davvero uno spettacolo. Una volta arrivati ​​i Puffling (sì, è proprio così che si chiamano), soffrirai di un grave sovraccarico di dolcezza. 


Uno dei posti migliori per osservare questi uccelli è a Borgarfjördur Eystri dove è possibile avvicinarsi fino a 1 metro a questi “pagliacci del mare”. Qui passeggi tra i loro nidi su scale appositamente costruite, osservandoli giocare e dondolarsi intorno a te.


pulcinella di mare a Borgarfjörður Eystri


4. Vedi le porte dell'inferno a Storurd


Se le Porte dell'Inferno siano davvero a Storurd, lo lasceremo decidere a te. Ma lo strano varco nella maestosa catena montuosa è lì da secoli e sembra una sorta di portale uscito direttamente dal Signore degli Anelli. Ma se si tratta davvero delle Porte dell'Inferno, c'è chiaramente una linea sottile tra Paradiso e Inferno.


L'escursione a Storurd è da favola con bellissimi prati, massi giganteschi e stagni con acqua blu brillante. E la parte migliore di Storurd? È un segreto piuttosto ben custodito, pochi conoscono questo luogo magico. Quindi, i visitatori di solito si ritrovano soli e completamente in pace in questi magnifici dintorni.


L'escursione non è particolarmente impegnativa, ma consigliamo di affrontarla durante i caldi mesi estivi, da metà luglio a metà settembre. Ci sono varie opzioni di percorso per Storurd che vanno da 2,5 a 6 ore di cammino e dipenderà da te quale si adatta meglio al tuo programma temporale.


porte dell'inferno a Storurd


5. Visita Seydisfjörður


Seydisfjörður è un affascinante paesino di pescatori con edifici dai colori vivaci. Si trova a solo mezz'ora dalla tangenziale e ci sono molti posti in cui è possibile pernottare per esplorare la città in modo adeguato. Fai una passeggiata lungo la strada color arcobaleno che ti condurrà a una chiesa dai bordi bianchi e blu brillante (l'opp perfetto per le foto!).


Oppure fai un salto in alcuni dei musei locali. Ci sono anche attività interessanti in giro per la città durante tutto l'anno. Dalle escursioni e dal golf durante i mesi estivi allo sci durante i mesi invernali. Ma qualunque cosa tu faccia, non perderti questa pittoresca cittadina sulla costa orientale dell'Islanda!



Seydisfjörður


6. Fai una passeggiata nella foresta nazionale di Hallormsstadaskogur


C'è una battuta in Islanda che si fonda su una realtà piuttosto seria e triste: “Come trovi la via d'uscita da una foresta islandese? Stai solamente in piedi." Questo perché la deforestazione ha quasi devastato l'isola. In effetti, la maggior parte dell’Islanda era completamente priva di foresta nel giro di appena un anno dall’arrivo dei primi coloni nel paese.


Di fronte a una crisi ambientale, nel 1905 una foresta di Brichwood ottenne la protezione del governo. Questa zona è ora conosciuta come Foresta Nazionale Hallormsstadaskogur e vanta oltre 85 specie di alberi su 550 ettari di terreno. La foresta è diventata anche una mecca per gli appassionati di birdwatching! Non vedono l'ora di vedere di tutto, dai beccaccini e corvi alle beccacce eurasiatiche, ai regoli e ai sasselli. 


 foresta nazionale di Hallormsstadaskogur

7. Viaggio su strada nei fiordi orientali dell'Islanda


A volte vuoi semplicemente fare un rilassante viaggio su strada e vedere cosa puoi individuare lungo il percorso. Guidare lungo la penisola di Vattarnes da Reydarfjördur a Faskrudsfjördur è esattamente un viaggio del genere. Questo percorso ti porterà in giro per molti dei fiordi orientali dell'Islanda, con viste mozzafiato sul paesaggio dell'Islanda orientale. Se sei fortunato, potrai anche avvistare una o due balene che si divertono nei fiordi.


fiordi orientali dell'Islanda

8. Visita Mjoifjörðurdur


Mjoifjörður è una magica cittadina situata sulle rive del Mjoifjörður, noto anche come “il fiordo stretto”. Questa piccola città con solo una manciata di residenti permanenti è accessibile solo per pochi mesi all'anno a causa del clima e della neve islandesi. Ma questo è davvero un posto magico se puoi visitarlo. 


Non solo è assolutamente bellissimo, ma le rive del fiordo sembrano ultraterrene a causa del clima calmo della zona rispetto alla periferia. Qui troverai anche uno dei migliori servizi fotografici dell'Islanda orientale; un vecchio relitto della Marina americana della Seconda Guerra Mondiale.


Il relitto circondato da acqua e montagne costituisce una scena piuttosto bella. Da Mjoifjörður puoi anche fare escursioni ad alcune delle cascate più remote (percorrendo veramente la strada meno battuta).



Mjoifjörðurdur

9. Fai un tuffo in una cascata calda naturale


Questa è un'esperienza incredibile. Laugarvellir è una valle geotermica molto remota con una cascata e una piscina situata nel nord-est dell'Islanda. Sebbene la temperatura dell'acqua si mantenga generalmente tra i 39 e i 41 gradi Celsius, è sempre consigliabile immergere semplicemente un dito del piede prima di tuffarsi.


Ti immergerai anche a un'altitudine di 600 metri. Arrivare a Laugarvellir è piuttosto impegnativo e non potrai affrontare le strade sterrate senza un 4x4 . Ma questa è una benedizione sotto mentite spoglie poiché garantisce un bagno tranquillo con non molte persone in giro.


Le indicazioni per Laugarvellir sono le seguenti: viaggia per 7 km a sud da Egilsstadir lungo la tangenziale prima di svoltare a est sulla strada 931. Attraversa il ponte e poi prendi la strada 933 per un breve periodo prima di svoltare sulla strada 910. Una volta raggiunta la diga di Halslon, troverete Laugarvellir circa 7 km più avanti, ma questi 7 km possono essere percorsi solo a piedi, quindi siate preparati.


Cascata islandesi

10. Dormire in una chiesa


Quando passi Kirkjubaer, puoi essere perdonato se pensi di aver appena superato una chiesetta molto carina. E avrai ragione a metà. Con il suo campanile e l'esterno bianco e il tetto, la porta e le finestre di un blu brillante. Tuttavia, un tempo fungeva da chiesa per gli abitanti del villaggio di Stodvarfjördur , ma quando fu costruita la chiesa nuova e più grande, questa iniziò a cadere in rovina. 


Molti hanno trovato straziante il crollo di questo edificio storico, soprattutto una coppia locale. Comprarono la chiesa e la restaurarono. Oggi funge da alloggio locale per i visitatori. Qui possono affittare la casa/chiesa con molti dei suoi accessori e mobili originali ancora al suo interno.


chiesa Islanda oriental

11. Fai un'escursione allo Studlagil Canyon


Questo canyon sbalorditivo è una gemma nascosta e un segreto ben custodito nell'Islanda orientale. Purtroppo, non molti riescono a sperimentare le ripide pareti rocciose di basalto e l'acqua glaciale di un blu brillante che scorre attraverso il canyon. Ma nonostante l’escursione sia lunga poco più di 9 km (andata e ritorno), l’escursione è abbastanza impegnativa.


Non solo il sentiero non è ben mantenuto, ma camminerai anche su rocce scivolose di basalto. Dovrai assicurarti di indossare gli scarponi da trekking adeguati. Ma coloro che decidono di intraprendere l'escursione allo Studlagil Canyon potranno vivere l'escursione di una vita.


Studlagil Canyon

12. Ammira Bulandstindur


Bulandstindur è una montagna con una distinta forma piramidale che ha più di 8 milioni di anni. È circondato da ogni sorta di miti e leggende che hanno ispirato scrittori e artisti nel corso degli anni. Innanzitutto, è considerata una delle maggiori fonti energetiche dell'Islanda.


E in secondo luogo, in un racconto molto simile a quello della Cascata Godafoss, si crede che i capi del paese gettino i loro idoli pagani dall'alto. Questo momento simboleggiava la conversione dell'isola al cristianesimo. Ecco perché Bulandstindur è anche chiamato Godabord, che significa "Roccia di Dio". 


Che tu creda o meno alle storie, ci sono vari sentieri che ti porteranno più vicino alla vetta alta 1069 metri. Anche se non ti darà chiarezza sui diversi folclori, ti regalerà sicuramente panorami indimenticabili sull'Islanda orientale.


Bulandstindur

13. Sosta a Stapavik


Stapavik è un porto abbandonato sulla strada per Borgarfjördur Eystri. Per arrivarci, dovrai fare una breve escursione dalla fattoria, Unaos, e oltrepassare la spiaggia nera fino a raggiungere la fine del sentiero sul bordo di una scogliera.


È qui che troverai le rovine del porto che un tempo incuteva paura a ogni marinaio e a sua moglie. La zona è nota per il mare agitato e le tempeste violente, e il porto ha causato la morte di molti marinai che scaricavano rifornimenti. Dopo l'ultimo incidente avvenuto negli anni '40, il porto fu definitivamente chiuso.


Stapavik

14. Scatta una foto del faro di Hvalnes


Il faro di Hvalnes fu costruito nel 1954 ed è alto poco più di 11 metri. Molti visitatori affollano questo faro che domina le spiagge della Riserva Naturale di Hvalnes. In questa zona si possono sperimentare forme interessanti e un colore arancione brillante.


Il faro è ancora attivo oggi, quindi non è aperto al pubblico. Ma puoi comunque scattare una foto davvero impressionante, soprattutto nelle giornate nuvolose. Il faro arancione crea un netto contrasto con le nuvole scure e minacciose.


faro di Hvalnes

15. Visita al Parco Nazionale Vatnajökull


Il Parco Nazionale Vatnajökull è il più grande parco nazionale dell'Islanda ecopre circa il 14% della superficie terrestre del paese. Il parco è incredibilmente impressionante e ospita tantissime attrazioni imperdibili, come il Vatnajökull (il ghiacciaio più grande d'Europa).


Qui puoi anche trovare la laguna glaciale di Jökulsarlon e Hvannadalshnukur (la montagna più alta dell'Islanda). Un viaggio in Islanda non è lo stesso senza fermarsi in questo incredibile sito patrimonio nazionale.


Parco Nazionale Vatnajökull

Islanda orientale: un tesoro in attesa di essere scoperto


Come avrai capito da molti dei luoghi incredibili che abbiamo menzionato in questo articolo, attirano le persone che conoscono o visitano la costa orientale dell'Islanda. Questo lo rende un vero tesoro nascosto che aspetta solo di essere scoperto.


Quindi, una volta arrivato sull'isola e aver noleggiato la tua auto in Islanda, dirigiti verso la parte orientale dell'isola. Non ti pentirai di tutto ciò che ti aspetta!

65 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page